L’economia é al tracollo

denaroDa giorni sento parlare di problemi economici, dei titoli in borsa che crollano di 190 milardi persi in una sola giornata e di mille altre fanfaronate, si urla che é un periodo di recessione, che non c’e’ mai stata cosi’ tanta crisi si spaventa la gente quasi a livelli da Gestapo, ma in realtà cosa sta’ succedendo? Niente!! Nulla di piu’ semplice del fatto che i grandi BORSONI, banche grandi industrie uomini d’affari e di potere non riescono piu’ a straguadagnare fregando il popolo ed ecco la crisi!

Ogni volta che si sente urlare al disastro il normale cittadino si alza va a lavorare e non cambia nulla, il piccolo artigiano il panettiere il calzolaio il muratore si alzano la mattina e vanno a lavorare e se la sera sono riusciti a lavorare per tutta la giornata sono felici di aver portato a casa il pane quotidiano e magari anche qualche centesimo per il pane di domani.

Alla gente normale al popolo a noi, la vita non é cambiata drasticamente nessuno di noi a perso i miliardi, semplicemente perché la gente normale non sà neppure cosa sono, in questa GUERRA sono solo i PALANCAI  ad avere un profitto ed una perdita, ma quando c’e’ il profitto allora va tutto bene, quando invece vi é una perdita dovuta sopratutto alle grandissime speculazioni allora ci allarmano dicendo che va tutto a rotoli!

Oggi é necessario smettere con le speculazioni inutili, non tutti sanno che oggi in borsa siamo arrivati al punto di scommettere tonnellate di denaro su quale sarà l’azione che andrà peggio!

Capite dove andiamo a finire?
Le banche prestano con interessi i soldi ai privati e agli stati.
In pratica ti danno 100 e ti chiedono da 102 a 110. Ma se ti hanno dato 100 e devi ridare 102-110, dove cavolo li prendi gli altri 2-10??? Li devi richiedere a loro che te li danno chiedendoti un nuovo interesse.
Ecco come si crea e si autoalimenta il debito pubblico. Se la facoltà di stampare moneta fosse in mano agli stati stessi (e quindi ai cittadini) e non si dovessero pagare gli interessi sulla carta moneta, il debito pubblico sarebbe diminuito negli ultimi decenni, non esploso!
Ora si cerca di mettere a posto i conti succhiando con tasse e balzelli i soldi dei cittadini prosciugandoli, come ai tempi di Robin Hood. Ma i soldi succhiati non basteranno mai per ripagare i debiti e gli interessi sul debito, perché non solo i soldi non bastano, ma anche perché si diminuisce la produttività, il potere d’acquisto, le entrate (perché la gente guadagna sempre meno) e il PIL.

Si blocca tutto tranne l’aspirapolvere degli stati che sono in mano alle banche (guardare il CV di Monti per capire..). Vedi la Grecia, che malgrado le misure di austerità ha visto il debito pubblico aumentare ancora, non diminuire!!!

Qui arriva un casino allucinante. I soldini che abbiamo via tra qualche anno non ci saranno più, succhiati o svalutati. L’unica speranza é che in europa si faccia una rivoluzione che porti a ridare il controllo della stampa della moneta agli stati e alla gente come deve essere.

date un occhiata a questo video purtroppo in lingua francese che spiega veramente bene quello che sta’ succedendo.

Un pensiero riguardo “L’economia é al tracollo

  • gennaio 7, 2017 in 10:16 pm
    Permalink

    Il vero problema, e’ la vera natura dell’uomo! E patetico, continuare ad accusare , indicando con il dito verso l’esterno…. se si dovessero invertire gli attuali fattori, il risultato non cambierebbe. La rivoluzione deve essere fatta dentro ognuno di noi e questo attualmente e’ impossibile!!! Il resto sono solo chiacchere. 44@outlook.com

I commenti sono chiusi