Morto Fidel Castro

Fidel Castro, eroe per la sinistra nel mondo e dittatore sanguinario per i nemici, é nato il 13 agosto 1926 a Biran, figlio del proprietario terriero spagnolo Angel Castro e della cubana Lina Ruz, ha studiato prima nei collegi La Salle e Dolores di Santiago de Cuba, poi, dal 1941 al 1945, a L’Avana, nella prestigiosa scuola gesuita di Belen, periodo che incide fortemente nella sua formazione culturale, così come in quella del fratello, Raul.

Dopo la laurea in legge si candida alle elezioni presidenziali, progetto subito frustrato per il golpe del 10 marzo di Fulgencio Batista. La sua risposta è l’assalto alla Caserma della Moncada, il 26 luglio 1953.

1125-fidel-castroFino al trionfo della revolucion, l’isola viveva del commercio con Washington. Dopo la presa del potere di Fidel, il paese divenne un campo di battaglia della guerra fredda. Cuba riesce comunque a resistere al duro embargo americano e ad un attacco militare, quello della Baia dei Porci, organizzato dalla Cia formato da cubani reclutati all’estero. È poi stata al centro della crisi dei missili nel 1962 che ha rischiato di trascinare il mondo in una guerra nucleare mondiale.

E’ stato una delle personalità più importanti del Novecento: è stato il leader nazionale che ha detenuto il potere per più tempo, nel Novecento, insieme alla Regina Elisabetta II. Negli anni Cinquanta aveva guidato la rivoluzione che aveva rovesciato il regime del dittatore Fulgencio Batista, e per i quasi cinquant’anni successivi ha governato Cuba, a capo di un regime comunista spesso accusato di violazioni dei diritti civili, che nella seconda metà del Novecento fu tra i principali avversari degli Stati Uniti e tra i protagonisti della guerra fredda. Castro fu primo ministro dal 1959 al 1976, e poi presidente fino al 2008.

portadaDa tempo non era in buone condizioni di salute. Più volte negli ultimi anni era girata la falsa notizia della sua morte: il fatto che non lo si vedesse spesso in pubblico, nelle cerimonie pubbliche importanti, aveva fatto pensare più volte che stesse per morire, anche nella stessa Cuba. Falsi annunci sulla sua morte sono apparsi almeno una decina di volte sui media online. Nel 2006, in seguito a una grave malattia, Castro aveva delegato il potere al fratello Raul, ma esercitava ancora una grande influenza sulla vita politica del paese.
Spesso scriveva degli editoriali del maggior quotidiano del paese, Granma, ma già nel 2011 aveva ceduto al fratello anche la carica di primo segretario del Partito comunista, lo scorso aprile aveva tenuto uno dei suoi ultimi discorsi al Congresso del Partito Comunista Cubano. Raul Castro ha detto che suo fratello sarà cremato oggi, e che ci saranno diversi giorni di lutto nazionale a Cuba.